A Grottaglie i disabili raccolgono le olive con gli scolari

0
419

A Grottaglie i disabili raccolgono le olive con gli scolari A Grottaglie la vera integrazione avviene raccogliendo le olive, un gesto dal profondo valore simbolico: cogliere il frutto delle proprie fatiche e dell’amore profuso nel coltivare l’ulivo, rinnovando così l’antichissimo legame tra l’uomo e la terra. Da qualche giorno è in corso la raccolta delle olive nello “Jazzu”, un angolo di verde pubblico ubicato nel centro abitato di Grottaglie che, grazie al progetto “Social Agorà”, è stato riqualificato e valorizzato; l’area, abbandonata da tempo, è stata concessa in comodato d’uso alla Cooperativa “Diogene” dall’Amministrazione Comunale che finanzia il progetto con i fondi del Gal Colline Joniche. La raccolta delle olive è solo una delle molteplici attività realizzate in questi ultimi mesi dalla Cooperativa “Diogene”, con la collaborazione della rete di soggetti partner del progetto “Social Agorà”, in particolare la Fondazione Epasss, che hanno trasformato lo “Jazzu” in un luogo di incontro, di interazione ed aggregazione sociale dove bambini, disabili, anziani, le rispettive famiglie e l’intera comunità possono incontrarsi. La coltivazioni nello “Jazzu”, in particolare, rientrano nelle attività di ortoterapia a favore degli utenti di “Social Agorà”, in particolare dei diversamente abili del Centro Diurno Epasss di Grottaglie, una struttura con funzioni terapeutico e socio-riabilitative che migliora la qualità della vita delle persone con sofferenza mentale ed in condizioni di marginalità; grazie a “Social Agorà”, i questo angolo di verde i divesabili hanno imparato, oltre a coltivare gli ulivi, a conoscere, riconoscere e raccogliere alcune specie selvatiche endemiche.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here