Attività carabinieri: arresti e denunce

0
399

Cinque arresti, 10 denunce a piede libero, 19 giovani segnalati alle competenti Prefetture quali assuntori di sostanze stupefacenti, nonché 9 esercizi pubblici e 137 soggetti sottoposti a misure restrittive controllati sono l’esito delle attività svolte dai Carabinieri della Compagnia di Massafra negli ultimi giorni. Le Stazioni dipendenti ed il Nucleo Radiomobile hanno eseguito servizi mirati alla prevenzione e repressione di reati in genere, al controllo di esercizi pubblici, della circolazione stradale con i seguenti risultati:
− un pregiudicato di Palagiano (TA) ed uno di Massafra, già sottoposti alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S., sono stati arrestati su Ordine di Carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Taranto, poiché condannati rispettivamente, il primo alla pena di anni 3 di reclusione per i reati di tentate lesioni aggravate, minaccia e porto di oggetti atti ad offendere mentre il secondo alla pena di mesi 8 di reclusione poiché riconosciuto colpevole del reato di violazione degli obblighi della sorveglianza speciale di P.S.;
− un pregiudicato siciliano, domiciliato a Massafra tratto in arresto in esecuzione di Ordine di Carcerazione emesso dal Tribunale di Sorveglianza di Palermo, dovendo espiare una pena residua di anni 1 e mesi 11 di reclusione poiché riconosciuto colpevole del reato di detenzione di armi clandestine e ricettazione, commessi in Licata (AG) il 7 febbraio 2014.
− un pregiudicato di Crispiano tratto in arresto in esecuzione di Ordine di Carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Taranto, dovendo espiare una pena cumulativa di mesi 11 di reclusione poiché riconosciuto colpevole del reato di furto in abitazione, rapina e lesioni personali aggravate;
− Un pregiudicato di Palagiano, in atto sottoposto agli arresti domiciliari, tratto in arresto e tradotto alla Casa Circondariale di Taranto, a seguito di violazioni alla misura detentiva segnalate all’A.G. dal Comando Stazione Carabinieri di Palagiano.
− una coppia di Statte deferita in stato di libertà per occupazione abusiva di edificio e danneggiamento. I due infatti, previa effrazione della porta d’ingresso, si introducevano in una abitazione al momento disabitata;
− due giovani di Massafra e Statte deferiti in stato di libertà per detenzione di un coltello di genere vietato, rinvenuti nel corso di perquisizione personale e veicolare e sottoposti a sequestro;
− due pregiudicati uno di Crispiano ed uno di Statte, sottoposti alla misura della detenzione domiciliare, deferiti in stato di libertà per evasione, in quanto, nel corso del controllo presso i rispettivi domicili non venivano rintracciati;
− un giovane crispianese, deferito in Stato di libertà per furto aggravato, in quanto trovato in possesso di due biciclette risultate oggetto di furto perpetrato in Crispiano, all’interno dei cortili di due distinte abitazioni. Le biciclette venivano restituite ai legittimi proprietari;
− due sorvegliati speciali di P.S. con obbligo di soggiorno nel Comune di Statte, deferiti in stato di libertà per la violazione degli obblighi imposti dalla predetta misura, in quanto, uno di essi sorpreso in compagnia di pregiudicati, mentre l’altro non ottemperava all’obbligo di presentarsi in Caserma per apporre la firma di controllo;
− un pregiudicato di Palagianello, deferito in stato di libertà per la violazione della misura preventiva del foglio di via obbligatorio, in quanto sorpreso nel comune di Palagiano in flagrante violazione del divieto di recarsi in quest’ultimo comune per anni tre.
Nell’ambito del medesimo servizio venivano controllate 137 persone sottoposte a misure restrittive con la finalità di accertare il rispetto di tutte le prescrizioni loro imposte, nonché 9 esercizi pubblici.
Infine, 19 sono stati i soggetti segnalati all’Autorità Prefettizia quali assuntori di sostanze stupefacenti, con complessivi gr. 22 circa di hashish, 1 di cocaina, 6 di marjuana e 7 di eroina sequestrati, nonché 7 patenti di guida ritirate per la medesima violazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here