B&B a nero, mancanza di decoro e carenza di eventi culturali: l’altra faccia del turismo in Puglia

0
473

taranto mare

La stagione estiva nel mese di agosto è stata da record in Puglia e per il mese di settembre si prevede che il trend positivo venga confermato se non addirittura migliorato, considerato la dolcezza dell’estate settembrina pugliese. Nel mese di agosto la nostra regione è stata letteralmente presa d’assalto, con aumenti sensibili del numero di turisti, in tutte le massime città pugliesi: 20% in più dello scorso anno a Bari e Lecce; 10% in più a Taranto, Foggia e Brindisi. Eppure in mezzo a tanto oro che luccica, fa da contraltare il rovescio della medaglia, l’altra faccia del turismo in Puglia, meno conosciuta, forse anche impopolare, ma che val la pena denunciare. La prima è quella dell’alto numero di case vacanze, ville e B&B a nero, che non rilasciano fatture e la benché minima assicurazione al turista, che però le affitta ad un costo molto inferiore a quello delle strutture regolarmente adibite ad accogliere turisti. Un fenomeno preoccupante e dilagante, più volte denunciato da Francesco Caizzi, presidente di Federalberghi Puglia. Il secondo problema è quello della mancanza di decoro urbano per le strade dei capoluoghi della regione, come Bari e Taranto; belle, avvolte da un mare d’incanto, ma a detta dei turisti migliorabili dal punto di vista della pulizia dei centri storici. Il terzo problema è quello della mancanza di un cartellone di eventi culturali di un certo livello in tutti i capoluoghi pugliesi, capaci di attrarre quei turisti più elevati culturalmente. Certo, poi ci sono tantissime cose positive, anzi una miriade, tra cui la riapertura del Museo archeologico dell’arte greca, a Taranto, ovvero il MarTa, che non solo è il simbolo della rinascita turistica del capoluogo jonico, ma ha attirato tantissimi turisti da ogni parte d’Italia e d’Europa. Non tutto dunque, funziona in regione, dal punto di vista turistico, ma certo i risultati sono più che lusinghieri, però questi episodi sono da denunciare, considerato che questi potrebbero offuscare la reputazione turistica della Puglia, e dato da non sottovalutare, sono illegali e abusivi, quindi punibili penalmente.

Domenico Palattella

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here