Cartella esattoriale da 8.000.000 di euro per il Comune di Taranto

0
317

Durissimo colpo per il comune di Taranto, l’Ente infatti dovrà versare nelle casse di “Equitalia” oltre otto milioni di euro. La notizia giunge dopo la decisione della Cassazione che con una sentenza della sezione Tributaria, non ha accolto il ricorso presentato dall’amministrazione Comunale ionica in merito ad una notifica di accertamento relativa al pagamento di imposte (Iva) la richiesta del Fisco giunse nel 2007. Il Comune di Taranto, secondo quanto riporta Repubblica.it, aveva impugnato la richiesta di pagamento poiché giunta in seguito alla dichiarazione di dissesto dell’ente avvenuta nel 2006. Una vera batosta per il Comune di Taranto se si considera inoltre che gli 8 milioni potrebbero lievitare a causa di interessi di mora ed altro. Secondo la valutazione fatta dal Comune con la dichiarazione di dissesto, l’ente avrebbe perso “ogni capacità di agire per i debiti pregressi” in quanto subentra altro organo, nello specifico l’Osl, l’Organo straordinario di liquidazione che risponde al ministero dell’Interno.
Per la Cassazione invece: “il fisco, anche dopo la dichiarazione di dissesto, può procedere ad accertamento fiscale nei confronti dell’ente locale mediante la notifica dell’atto impositivo all’organo istituzionale dell’ente e non all’organo straordinario di liquidazione” .
La somma che il Comune di Taranto dovrebbe versare al fisco sarebbe di 8.438.000

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here