Con Tarantomya il mondo più vicino a Taranto

0
581

 


“TARANTO MYA”: IL PORTALE CHE INVITA IL MONDO A TARANTO
Presentazione ufficiale questa mattina all’ACI

Presentazione ufficiale questa mattina, presso l’ACI Taranto, per “Taranto mya”, il portale di Taranto e provincia.

Si tratta di uno strumento fondamentale per la promozione integrata del territorio. Nel territorio tarantino, e più in generale in quello italiano, c’è un patrimonio di particolare rilievo storico, culturale, architettonico, paesaggistico che costituisce una vera e propria ricchezza, ai più sconosciuta. Il portale è la risposta ad un’esigenza ben precisa:
superare il caos informativo in cui è attualmente immerso il sistema turistico locale. Tanti sono gli “attori” che offrono singolarmente un prodotto di buon livello, spesso, però, solo una selezione di questi raggiunge il turista che sceglie cosa e come visitare veicolato da un soggetto di parte. Da qui l’esigenza di un portale che contenga tutto e dia una visione totalitaria all’utente. Taranto Mya è stato prodotto secondo un’ottica ben precisa. Deve essere di facile navigazione, con contenuti chiari e concisi e con un format orientato alla massima usabilità sia da pc desktop che da mobile. 
Si propone di mettere a sistema tutte le possibilità di visita promuovendo cosa e come visitare.

Il portale si rivolge a chi vuole avere la sensazione di essere padrone della propria scelta e la convinzione di essere capace di scegliere in modo autonomo, basandosi sulle proprie conoscenze. Si tratta di una piattaforma ricca di un’offerta turistica e contenuti ben congeniati, autorevoli e certificati che spingono il turista a voler trascorrere più tempo a Taranto. Il viaggiatore potrà appurare che il tempo previsto per il soggiorno non è sufficiente. Ciò stimolerà ad allungare maggiormente il tempo per quel viaggio o a programmarne uno nuovo.
Il portale è diviso in SEZIONI:
home, cosa visitare, come visitare, dove mangiare, dove dormire, eventi, nei dintorni, mobilita’, blog, about us.

Taranto Mya fa parte di un network che fa dell’aggregazione uno dei maggiori punti di forza. Infatti rientra in una rete di portali che sono già on line: sassi di Matera, Trani, Bari, Gravina, Lecce.

Pino Lessa (direttore ACI Taranto): Abbiamo fortemente voluto questo portale, perché crediamo che, oggi più che mai, il turista ha bisogno di conoscere per organizzare al meglio il suo soggiorno. In un territorio poi come Taranto, crediamo sia ancora più necessario far scoprire davvero tutto ciò che può offrire. Questo però può avvenire solo se tutti collaborano. Mi auguro che i sindaci degli altri comuni aderiscano e con loro tutti gli imprenditori del territorio.

Loredana Capone (Ass. Regione Puglia): apprezzo molto la sinergia nata attraverso questo portale, tra il pubblico e il privato, in relazione con le istituzioni. È un’ottima idea. Ognuno ha il suo piano, ma non bisogna pensare solo a se stessi, ma entrare in sintonia e lavorare per il territorio con una strategia. Ci vuole molto impegno, ma c’è la volontà e questo è un buon punto di partenza. La Puglia va vista come una terra che investe sul turismo che investe sul territorio e per farlo bisogna lavorare, insieme. Il nertwork è una sfida perché per tanto tempo si è ragionato col campanile. Parlare di rete significa parlare di servizi e di accoglienza. Il portale è un esempio ed una sfida, perché si parte da un territorio come Taranto, che è vista come città industriale, ma che ha delle bellezze importanti che vanno fatte conoscere, insieme a tutto il territorio che la circonda. Creare diverse opportunità, promuovere diversi tipi di prodotto (turismo, sport, cultura, religione…) genera fatica e impegno, ma sono convinta che si possa fare, perché abbiamo un patrimonio gigantesco che va fatto conoscere, insieme a tutti i servizi. E va fatto in un network che si costruisce e si struttura tra pubblico e privato, perché dove non arriva il pubblico deve arrivare il privato. Questo portale è un link non di competizione ma di supporto al portale di Puglia promozione. Tra cinque anni io vedo la Puglia come il luogo migliore per un turismo completo, perché una terra varia e meravigliosa. I tarantini hanno grandissime opportunità, ma devono crederci, riscoprendo per primi la loro città.

Angelo Colella (ASCOM): il portale si inserisce nella nuova visione che si sta sviluppando, ovvero il turismo. Tutto concorre a provare a costruire un sistema di accoglienza. Vogliamo mettere in rete la parte dei privati (ristoranti, alberghi…). Ma devono entrare anche le amministrazioni e i servizi, perché è necessaria una stretta collaborazione tra privato e pubblico per favorire il turismo.

Irene Lamanna (pres. ATT): il portale non vuole mettere in luce solo la città ma l’intera provincia, perché il turismo non si fa soltanto nel comune ma in tutto il territorio. Per questo abbiamo chiesto a tutti i comuni di linkarsi col portale. Per ora ha aderito solo Crispiano. Il portale raccoglie tutto dal sociale, al leisure, allo sport…perché il turismo raccoglie tutto. Per questo hanno aderito al portale anche l’AMAT e l’AMIU.

Carmine Pisano (Pres. AMIU): la nostra partecipazione al portale è importante perché chi viene a Taranto deve conoscere i nostri servizi. Noi stiamo cercando di fare il possibile per coinvolgere i cittadini per mantenere la città pulita.

Vito Egidio Ippolito (Sindaco di Crispiano): il turismo vola quando si fa rete. Io credo in questa bellissima città e il fatto che si possa azzerare il campanilismo è importante, perché solo facendo rete si possono raggiungere obiettivi importanti. Dobbiamo credere nel futuro della città e mi auguro che tutti gli altri sindaci possano accettare l’invito dell’ACI ed aderire a questa meravigliosa iniziativa.

Giovanni Sebastio (v.pres. ACI): L’ACI per statuto sostiene il territorio e quindi un portale che lo promuove ci sembra un’operazione importante e fondamentale, che va sostenuto e ci impegneremo sempre di più per farlo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here