Con un grave taglio all’addome riesce a disarmare l’aggressore. Vittima un giovane 17enne.

0
580

Nella tarda serata di ieri, i militari della Stazione Carabinieri di Crispiano avrebbero tratto in arresto, in flagranza di reato, PORCELLI Emanuele, 39enne, pregiudicato di origine tarantina, domiciliato a Crispiano.

I carabinieri, intervenuti a seguito di una chiamata al “112” per una lite in atto in una delle vie cittadine, avrebbero notato la presenza del personale del 118 intento a prestare le prime cure mediche ad un ragazzino 17enne del posto che presentava alcune ferite, di cui una da taglio all’addome. Poco distante dall’ambulanza sarebbe stato poi individuato sempre dai militari l’autore del atto criminoso in evidente stato d’agitazione.

A seguito degli immediati accertamenti, i militari avrebbero appurato i moventi e le dinamiche dell’accaduto: poco prima, a causa di futili motivi, si sarebbe verificata un’accesa discussione tra i due soggetti, nel corso della quale il pregiudicato, dopo aver estratto un coltello che portava con sé, avrebbe sferrato un grosso coltello colpendo all’addome il 17enne che, nonostante la ferita riportata, sarebbe riuscito a disarmare l’aggressore e ad allontanarsi, chiedendo aiuto ad alcuni passanti.

Il giovane, a quanto raccontato, sarebbe stato immediatamente trasportato presso l’Ospedale SS Annunziata di Taranto dove attualmente sarebbe ricoverato in prognosi riservata, non in pericolo di vita.

Nel corso del sopralluogo i Carabinieri avrebbero individuato e sequestrato l’arma utilizzata per l’aggressione.

Al termine delle formalità di rito, il 39enne sarebbe stato tratto in arresto e, su disposizione del P.M. di turno, presso la Procura della Repubblica del capoluogo ionico, dott.ssa Filomena DI TURSI, tradotto presso la Casa Circondariale di Taranto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here