…E il cinema Fiamma dall’hard a salotto della città

0
1000

Totò, nella memorabile commedia italiana degli anni sessanta “Arrangiatevi”, si ritrovò, da profugo, con sua figlia e relativa famiglia, senza casa. La legge Merlin  che aveva liberato tante case adibite precedentemente a “Casini”, permise ai profughi di trovare un comodo alloggio, Ma il genero, Peppino De Filippo, cercò di nascondere alla famiglia la questione. L’anziano di casa, il Principe de Curtis, dopo aver scrutato ogni particolare dell’edificio, scoprì gli altarini e si ricordò i suoi primi momenti di giovincello alla ricerca di fantasie erotiche. Memorabile la sue frasi come “Io qui ci sono già stato ma non mi ricordo perché…” e poi quella della svolta, “Questa era la casa della sora Gina”, pronunciata a gran voce e con gli occhi sbarrati. Più o meno le stesse sensazioni vivranno i ragazzi di qualche anno fa che avranno l’onore di assistere, questa sera, all’inaugurazione dell’Art Garden di Dino Maiano, una sorta di succursale del giardino Maiano, sito a Lama in via Circonvalazione dei fiori, già operativo dall’estate appena trascorsa.  Art garden sarà, da oggi in poi, un circolo culturale che non dimenticherà il cinema. Ma non vogliamo svelarvi di più. Ospiti d’eccezione del mondo dello sport, della musica, del teatro e delle istituzioni e i rappresentanti della protezione civile. L’appuntamento è per questa sera, alle ore 20.30 in via Gorizia n19, ART GARDEN, ex cinema Fiamma. Presentano l’evento Francesco Leggieri e Rosanna Pisani.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here