Ferragosto da record a Taranto: boom di turisti tra Castello, Museo e spiagge assolate

0
686

taranto-castello

Il tempo clemente, caldo ma non troppo, senza il minimo rischio di incursioni temporalesche ha rappresentato il clima perfetto per il capoluogo jonico, nella giornata centrale dell’estate, ovvero il Ferragosto. Boom di turisti proprio il giorno di Ferragosto a Taranto città. Alle spiagge prese d’assalto senza soluzione di continuità, dal lato orientale a quello occidentale, anche la città d’arte di Taranto, ha dimostrato di valere tanto e quanto le altre rinomate città pugliese. Boom di visite al castello aragonese che ha registrato ben 1.970 visitatori nel corso del giorno di festività appena trascorsa. Un costante trend di crescita, che stando solamente ai dati forniti dall’affluenza di turisti al castello di Taranto, dimostra un incremento del 20% in più di presenze rispetto all’anno scorso: 71.000 rispetto ai 60.000 dei primi otto mesi del 2015. E non è stato da meno il Museo Archeologico Nazionale della Magna Grecia, il Martà, che ha registrato il tutto esaurito fino alla tarda serata del 15 agosto. Il gap rispetto alle altre località turistiche pugliesi si sta riducendo sempre di più, anche se resta ancora piuttosto rilevante, ma il trend è positivo e il complesso delle attrazioni turistiche della provincia di Taranto e del suo capoluogo, sarebbe di prima categoria. Il segno positivo rispetto allo scorso anno, ormai è sotto gli occhi di tutti, questo è evidente. C’è però ancora parecchio da fare, soprattutto riguardo il marketing territoriale della provincia di Taranto, che ancora non riesce a scrollarsi di dosso il marchio di “città dell’Ilva”. Questo rappresenta un grosso freno, una zavorra alle bellezze paesaggistiche e artistiche della città di Taranto, considerato che in tante parti d’Italia, noi siamo ancora la città dei veleni e dell’inquinamento. Indubbiamente ciò è figlia di una certa ignoranza e di luoghi comuni, ai quali purtroppo gli italiani danno tanto peso; ma ciò è anche figlia di una pubblicizzazione del brand di “Taranto città turistica” ancora in parte inefficace. Certo, qualcosa si è mosso in fatto di turismo, è questo è un dato davvero confortante, ma ora c’è da lavorare per il prossimo anno, perché un decremento del numero dei turisti nell’annata 2017, non sarebbe affatto accettabile. Assolutamente. Andrebbero in fumo gli sforzi di questa annata. E Taranto questo non lo meriterebbe, nella maniera più assoluta.

Domenico Palattella

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here