Fumettopoli: tra divertimento, svago e un mare di attività

0
611

10

cinque

due

otto

quattro

sette

tre

unoNei giorni 30 e 31 Luglio, presso il centro Mongolfiera di Taranto si è svolto un evento molto particolare, sto parlando di Fumettopoli. Una fiera, come è intuibile dal nome, dedita al fumetto e non solo. Ormai nella nostra cultura fin dagli anni ‘70/’80 siamo stati investiti dall’onda dei cartoni animati giapponesi (anime per chi segue il trend giapponese) e siamo arrivati ad un punto tale che anche nella nostra Taranto si organizzano tali raduni! Prima si pensava solo alle grandi fiere come il Napoli Comicon oppure il Lucca Comics and Games, invece da qualche tempo anche nella stupenda città dei due mari è stato possibile partecipare a fiere dello stesso genere. Sono ancora dei diamanti grezzi, ma cosa ci possiamo fare, le prime edizioni sono sempre delle sperimentazioni, un po’ bisogna passare nella fase del rodaggio prima di avventurarsi in organizzazioni troppo ampie. Questo è proprio il caso di Fumettopoli che nella sua prima edizione ha saputo ben organizzare l’evento invitando ospiti speciali tutti “made in Puglia”. Si è partiti con l’introduzione di Pietro Cigneri e il suo fan film sul “Corvo”, poi il pubblico è letteralmente scoppiato in visibilio non appena i “TheFrenchmole” sono saliti sul palco. Questo duo barese ha saputo intrattenere gli adolescenti che li seguono da tempo ormai e con le loro gags hanno dato una ventata di freschezza durante quelle ore di calura profonda. Vi sono stati diversi spettacoli come quello di “Frozen”, “Peter Pan”, “La famiglia Addams” del Centro Danza Isadora. Durante tutto l’evento i vari stands offrivano merci varie, dal semplice fumetto al manga agli “action figures”, ma non solo, Gunpla, tazze, magliette. A metà pomeriggio c’è stata anche la gara Cosplay Original (per chi non lo sapesse il cosplay è un neologismo che è formato da due parole inglesi: costume e play e indica la pratica di indossare un costume di un dato personaggio e anche di agire come lo stesso). Dei sei partecipanti tre ne sono usciti vincitori. Come miglior Cosplay maschile: Gianfranco Ventrone portando un costume Steampunk che spruzzava aria dalla sua arma. Miglior Cosplay femminile: Cecilia Sandy Masto che indossava una mise di Asuna (di SAO un anime famossissimo) alquanto particolare, una sorta di kimono giapponese. Il Premio Fumettopoli invece lo ha vinto Fabiana Orsini con una bellissima e provocante Harley Quinn (dal mondo di Batman). Il tutto è terminato con lo strabiliante concerto dei “Cartoon Busters” che ci hanno fatto tornare un po’ tutti bambini, cantando quelle sigle che ancora oggi ci fanno sognare ad occhi aperti. La scelta della scaletta non è stata casuale, anzi hanno collegato ogni canzone con l’altra mediante un singolo dettaglio del cartone stesso. Il pubblico si è scatenato fin dalle prime note.
La seconda giornata si è presentata frenetica all’insegna del divertimento e come c’era da aspettarsi l’affluenza è stata maggiore. Forse perché era previsto un evento atteso da molti?
Un momento che grandi e piccini sicuramente aspettavano è stato l’intervento di Pietro Ubaldi, doppiatore in primis di Doraemon, che tra l’altro ha svelato anche qualche piccolo segreto dell’arte del doppiaggio. Sul palco poi si sono succedute varie esibizioni, culminate con la gara Cosplay, in cui i giudici hanno attribuito ben cinque premi e i partecipanti erano in numero maggiore rispetto al giorno precedente. Il premio speciale Mongolfiera è stato assegnato a Michele Colonna nelle vesti di Batman; poi è stata la volta del miglior Cosplay maschile: un fenomenale Ace Ventura; come miglior Cosplay femminile di nuovo la mitica Cecilia che in quest’altra competizione ha portato Honoka (da Love Live!); come miglior gruppo hanno vinto (come poteva non essere così d’altronde) le principesse Disney Biancaneve, Belle, Anna ed Elsa; invece il premio speciale Fumettopoli è andato nelle mani di Doraemon impersonato dal simpatico Giovanni.
Lo spettacolo è continuato con l’esibizione delle Black Sugar, di Mikan e di un fantastico corpo di ballo k-pop.
La serata ha raggiunto il culmine non appena Giorgio Vanni è salito sul palco, coinvolgendo tutto il pubblico che non aspettava altro che questo. Ha eseguito vari brani che tutti i presenti hanno puntualmente cantato con lui mostrando vivissima partecipazione.
A conclusione di questa prima edizione di Fumettopoli, sperando che in una edizione futura a questa fiera venga assegnato uno spazio maggiore, possiamo ritenere questo evento che è stato pieno di allegria, gioia e divertimento come un pilot di un telefilm che sa tenerti incollato alla sedia e alla sua conclusione non vedi l’ora di poter gustare al più presto il suo seguito.
Luca Cirone
foto Sefano Leggieri

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here