I furiosi interrogativi di Emiliano dopo la cessione ILVA

0
495

Dopo l’aggiudicazione dell’impianto siderurgico tarantino alle due grosse aziende, non sono tardate le dichiarazione e soprattutto gli interrogativi del presidente Michele Emiliano furioso nei confronti del procedimento:

“Il ministro Calenda ha firmato il decreto di aggiudicazione del Gruppo Ilva ignorando le richieste formulate dai sindacati di un ulteriore confronto. Ignorando, inoltre, i contenuti del rilancio operato dall’altra cordata e rinunciando di fatto a migliorare, attraverso una ulteriore competizione nell’interesse di ambiente e lavoratori, le proposte in campo”.

Sono proprio in riferimento alla rivalutazione ambientale e l’equilibrio dei livelli occupazionali i dubbi di Emiliano:

“Quando avrà inizio l’opera di ambientalizzazione più volte rivista? Non entro il 30 settembre dal momento che sarà difficile che la commissione europea possa esprimersi entro quella data sulla potenziale sovrapproduzione del gruppo Mittal. Chi assicura che il colosso lussemburghese (ndr) non abbandoni l’operazione nel caso in cui la commissione europea ponga condizioni non più convenienti? Chi garantirà il mantenimento degli impegni occupazionali (già oggi assolutamente insoddisfacenti) nel caso in cui la commissione europea abbassi sensibilmente la produttività di Ilva? È stato valutato il costo per la collettività del tempo necessario alla commissione per esprimersi? Chi garantirà la continuità aziendale in questo lasso di tempo, che potrebbe essere anche lunghissimo? E a che costo, visto il totale spregio del piano ambientale di fatto sospeso dalla firma del decreto?”

Nette le conseguenti conclusioni del Governatore:

“Ancora una volta motivazioni imperscrutabili finiscono per ripercuotersi sulla comunità tarantina e pugliese. Nulla nella firma del decreto risulta razionale o anche solo logico. Nulla nella fretta indiavolata del ministro Calenda risulta aver, anche incidentalmente, valutato gli effetti della sua decisione sulla vita dei tarantini. Con una sola firma sono state mortificate le legittime aspirazioni di una città e di un asset strategico del paese. Uno sconcertante esempio di pressapochismo politico rischia di mettere la parola fine alla storia dell’Ilva e alla speranza di ambientalizzare il controverso simbolo di Taranto”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here