Ilva: 4.459 esuberi, “necessario fermare l’area a caldo”

0
343
foto da www.tempi.it

All’indomani dell’annuncio dello spegnimento dell’altoforno 5, l’Ilva di Taranto ha comunicato oggi ai sindacati il numero dei lavoratori in esubero: 1.228 dell’area fusoria, 1.815 area laminazione e tubifici, 1.416 area servizi, per un totale di 4.459. Il numero, tuttavia, è ancora provvisorio. Ilva, intanto, sottolinea la necessità di ricorrere al contratto di solidarietà difensivo a partire dal 2 marzo prossimo. ”Sulla base degli andamenti delle richieste di mercato, sarà necessario effettuare temporanee fermate parziali o anche totale di tutti gli impianti dell’area a caldo, con inevitabile emergere di esuberi strutturali” avverte l’azienda, la cui produzione giornaliera nello stabilimento ionico “sarà di circa 11.800 tonnellate di acciaio rispetto alle 30.000 tonnellate al giorno in pieno assetto produttivo”. Le organizzazioni sindacali annunciano che chiederanno di abbassare il numero massimo di lavoratori che usufruiranno dei contratti di solidarietà, in scadenza a fine mese.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here