Raffo festival: ci siamo

0
273

imageSubsonica in concerto sulla Rotonda

“Raffo Fest”, mancano poche ore

Grande attesa per la dodicesima edizione della manifestazione gratuita promossa dalla “birra dei tarantini”. Patrocinio del Comune di Taranto. Con il gruppo torinese, artisti pugliesi a partire dalle 19. Ospiti delle precedenti manifestazioni: Giuliano Palma, Apres la Classe, Sud Sound System, Africa Unite, Roy Paci, Elio e le Storie tese, Max Gazzé e Fedez. Estrazione di una felpa ad edizione limitata e premiazione delle Vetrine dei due mari.

Poche ore al via per la dodicesima edizione del Raffo Fest. Anche quest’anno, ricca l’offerta del brand tarantino che ospita uno dei nomi più importanti della scena rock italiana, i Subsonica. Insieme con la formazione torinese, gruppi musicali pugliesi che avranno il compito di scaldare il pubblico prima del concerto di Boosta e compagni. Prima di loro, dunque: Don Ciccio, Linea Pesante, Nikaleo, Pacefatta, SecondoAtto, Sud Foundation Krù (SFK) e Zakalicious. Animatore della non stop che avrà inizio alle 19, il popolare Pippo Lorusso, volto noto ai tarantini per aver preso parte ad altri appuntamenti con Raffo Fest, ed essere una rockstar della radio (m2o) e della tv (Mario).

I protagonisti della serata, i Subsonica, hanno venti anni di attività, nel corso della quale hanno pubblicato sette album: “SubsOnicA”, “Microchip emozionale”, “Amorematico”, “Terrestre”, “L’eclissi”, “Eden”, “Una nave in una foresta”. Questa la formazione: Samuel Umberto Romano (voce), Massimiliano “Max” Casacci (chitarra, voce), Davide “Boosta” Dileo (tastiera, voce), Enrico “Ninja” Matta (batteria), Luca “Vicio” Vicini (basso).

Sul palco allestito sulla Rotonda di corso Vittorio Emanuele III, in tutti questi anni sono stati ospiti: Giuliano Palma, Apres la Classe, Sud Sound System, Africa Unite, Roy Paci e Aretuska, proseguendo con Elio e le Storie tese, Max Gazzé e Fedez. Artisti che hanno fatto registrare mediamente ventimila spettatori confermando il Raffo Fest uno degli appuntamenti musicali più attesi.

Raffo Fest ha lo scopo di promuovere una serata di spensierato divertimento staccando la spina per qualche ora dalla quotidianità. Un invito a distrarsi e dissetarsi per qualche ora con un sorso di freschezza. Raffo, nel tempo, ha mostrato massimo attaccamento alla città. Con la scelta di un marchio (l’etichetta con Taras, simbolo della città, a cavallo del delfino), la definizione “birra dei due mari”, l’orgoglio tarantino certificato in occasione di ogni campagna pubblicitaria (“Raffo, dal 1919 devoti a questa città!”).

Anche in occasione della manifestazione in programma questa sera, domenica 26 giugno, il contest di successo legato al riciclo dei bicchieri di plastica. Sulla Rotonda del Lungomare, i punti-bar ufficiali ospiteranno due aree. A quanti cestineranno il bicchiere vuoto in appositi contenitori, due hostess consegneranno un tagliando di partecipazione all’estrazione di una splendida felpa “Raffo-Edizione Limitata” consegnata sul palco durante la manifestazione promossa in collaborazione con Ciccio Riccio Radio.

A fare da contorno alle iniziative promosse nell’ambito del “Raffo Fest”, spazio a “Le vetrine dei Due mari”. Numerose attività cittadine hanno allestito le proprie vetrine con articoli promozionali, gadget, poster ed altro materiale distribuito dalla stessa “Raffo”. Una commissione farà valutazioni tecniche. In base agli elementi acquisiti, questa sera ai titolari dei negozi che avranno interpretato con maggiore partecipazione il tema loro assegnato, sarà consegnata una targa-ricordo.

Ruolo importante nella realizzazione dello spettacolo, lo riveste il Comune di Taranto. Massima partecipazione quella prestata dal sindaco, Ippazio Stefàno, e dall’assessore Gionatan Scasciamacchia. Assicurato un corollario di servizi utili allo svolgimento dell’evento nel massimo decoro. Un connubio che negli anni ha offerto al territorio spettacoli di altissimo livello, eliminando fin dalla prima edizione dell’evento la somministrazione in vetro nei punti-bar ufficiali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here