Salam e migranti:incontro col Prefetto

0
339

Lavoratori Salam e migranti: l’Usb chiede un incontro con il Prefetto

“Ci possiamo ritenere soddisfatti dell’esito dello sciopero con sit-in che si è tenuto venerdì 8 luglio dei lavoratori dell’associazione Salam e della cooperativa AL Fallah a cui hanno partecipato numerosi migranti, dipendenti ed ex dipendenti venuti da più centri della provincia di Taranto a portare solidarietà, sostegno e testimonianza sulle questioni riguardanti la gestione dei migranti e dei lavoratori – afferma Francesco Rizzo coordinatore provinciale USB Taranto -. Una delegazione formata dai lavoratori, migranti, e sindacato con la partecipazione dell’Onorevole Donatella Duranti, a cui va tutto il nostro ringraziamento per essere sempre vicina alle problematiche delle fasce sociali più deboli, ha incontrato il Dott. Lastella e il Dott. Gentile della PREFETTURA di Taranto, sono stati esposti al dott. Lastella i punti salienti che hanno spinto sia i lavoratori che i migranti a scioperare e ad effettuare il sit-in. Tra le cose evidenziate il mancato pagamento di più mensilità dei lavoratori, alcune presunte inadempienze contrattuali, il licenziamento di tre lavoratori iscritti al sindacato USB. Tutto questo sarà documentato alle autorità competenti nelle prossime ore”. Per quanto riguarda la questione migranti, segnalati alla Prefettura presunti ritardi dell’erogazione dei Poket money e del kit igiene, spesso – dicono i rappresntanti USB – per la mancanza del fondo cassa per le spese sanitarie (spesso anticipato dai dipendenti).
“Abbiamo anche sollevato la questione delle condizioni dell’accoglienza dei migranti minori ospitati assieme a migranti di maggiore età richiedendo un immediato controllo sull’adeguatezza delle strutture ospitanti – prosegue il coordinatore USB -.
Il Vice Prefetto Lastella ci ha invitato dunque a mettere a conoscenza il Prefetto di tutto, garantendo che la Prefettura assumerà tutte le iniziative necessarie e di propria competenza per ristabilire la normalità delle questioni nel rispetto delle regole sia contrattuali che del vivere civile.
Pertanto, al fine di evitare ancora disagi e ritardi verso i migranti, abbiamo inviato una richiesta al Prefetto per un incontro anche con la dott.ssa Malgari TREMATERRA persona sicuramente conoscitrice delle problematiche dei migranti e centri accoglienza”, conclude Rizzo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here