Taranto – Nadia Toffa torna ai Tamburi

0
2498

Un servizio per “Le Iene” diventa occasione per promuovere una iniziativa benefica. Il quartiere per il reparto di pediatria del “Moscati”. Ignazio D’Andria, il bar, le magliette, la commozione

Nadia Toffa, brillante conduttrice de “Le Iene”, e Ignazio D’Andria, finalmente insieme. Quello che era stato il tributo di un’amicizia folgorante, una maglietta con la scritta “Ie jesche pacce pe’ te” indossata dalla front-girl del programma-culto di Italia 1, diventa un’operazione benefica. Con la benedizione della presentatrice in abito da “iena”, sabato mattina ore dieci, puntuali come nemmeno in Svizzera, in piazza Gesù Divin Lavoratore, quartiere Tamburi, l’incontro per sancire una raccolta di fondi da destinare al reparto di pediatria del “Moscati” di Taranto.

Prima un servizio televisivo, poi massima disponibilità ad autografi e selfie. «Non ci sono problemi», assicura i presenti Nadia con un sorriso, «sono tornata per lavoro, che mi cattura “h 24”, ma anche per affezione nei confronti dei residenti del quartiere a un palmo dal siderurgico; vi voglio un sacco di bene, non speculiamo sulla pelle della gente, qui ai Tamburi dove ho coltivato una serie di amicizie, torno anche nei “day off”, quando cioè non sono impegnata con la tv; la maglietta: mi è piaciuta, l’ho indossata, più avanti mi hanno informata della lodevole iniziativa a favore di quei bambini che richiedono cure e attenzioni, ho subito sostenuto la causa: sono contenta che la pallina di neve rotolando da cima a valle si stia trasformando in una generosa valanga di adesioni».

D’Andria, titolare del Mini Bar, attività nel cuore del quartiere, ha un momento di commozione. Nadia è tornata, è stata di parola. «Aveva detto che non avrebbe abbandonato il quartiere, non facendo mancare il sostegno morale all’iniziativa dalla parte dei più deboli: è stata di parola». Un abbraccio forte, sincero. Il promotore di una maglietta per il reparto di pediatria del “Moscati”, si lascia andare ad un momento di grande commozione. «Ce ne fosse gente così in circolazione, anche solo dalle nostre parti, avremmo risolto almeno metà dei problemi che interessano un quartiere del quale purtroppo in molti si ricordano solo nel periodo elettorale».

L’iniziativa. L’operatore della Toffa spegne la telecamera, la conduttrice de “Le Iene” posa il microfono. D’Andria spiega l’iniziativa. «Nadia ci sta incoraggiando in tutti i modi, non ci fosse stata questa spinta emotiva non so se avremmo lanciato l’iniziativa alla quale collabora anche l’associazione di volontariato “Arcobaleno nel cuore”: le magliette vendute hanno un numero progressivo, a fine raccolta chiederemo a rappresentanti del reparto pediatrico di cosa hanno più necessità i piccoli ospiti del “Moscati”: una tv, un pc, giochi o altro ancora, un tributo in concreto piuttosto che in denaro».

Gli scatti dei fotografi, dei cellulari della gente venuta in piazza a caccia di una maglietta. Nadia Toffa sorride. La trasmissione che ha fatto incursione al quartiere per raccontare la sofferenza di quanti vivono a stretto contatto con la zona industriale, ha fatto blitz anche nel cuore dei residenti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here