TARANTO, NON FERMARTI SUL PIU’ BELLO!

0
423

 

E se a Matera il Taranto si ripetesse? Se la squadra di Prosperi tornasse a casa con un risultato positivo? Sarebbe un bel regalo di Natale. L’impresa è titanica, come quella risalita che tre settimane fa sembrava missione impossibile. Invece, tre risultati utili consecutivi e un bottino che fa risalire il Taranto. E quel che più conta, restituisce fiducia a all’intero ambiente. Fabio Prosperi non si è mai arreso. Mai data l’impressione di gettare la spugna. Anche quando è stato “un uomo solo al comando” , con un palmarès asfittico: otto gare-tre punti. “L’unica medicina che io conosca è il lavoro!”. Nella cattiva come nella buona sorte, ha sempre sostenuto l’ex capitano rossoblù voluto in panchina da Zelatore e Bongiovanni. E i risultati, tardi, sono arrivati. I numeri, fondamentali, sono mancati per un dettaglio: sarebbero stati utili per l’autostima, ma meglio oggi che mai. Alla luce delle ultime tre gare (sette punti complessivi), incoraggiano gioco, impegno, forma fisica e pressing alto. Una tattica esercitata anche con lo Juve Stabia, la squadra campana costruita per la scalata alla serie B. Giovedì tocca al Matera, in terra lucana. Altra squadra con uomini e ambizioni da promozione. Allo Iacovone il Taranto sfiorò l’impresa, comunque tenne testa agli avversari. Oggi la classifica racconta score e ambizioni delle due squadre. Ma spiegano anche che i rossoblù non conoscono stop da tre gare, dunque, è legittimo pensare che il Taranto non voglia fermarsi proprio sul più bello.

                                                                                      Il Tarantino

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here