Taranto- Rifondazione Comunista parteciperà a mobilitazione per unioni civili

0
381

La Federazione Provinciale del Partito della Rifondazione Comunista e Giovani Comuniste/i sostengono le battaglie che il movimento lgbtqi sta portando avanti in Italia per il riconoscimento delle coppie e delle famiglie queer. In un quadro di forte arretramento culturale è sempre più distante l’orizzonte di uno stato laico che garantisca i diritti fondamentali di tutte e di tutti, come affermato dall’art.2 della Costituzione “la Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità”. In questa panoramica, si inseriscono quindi le battaglie del movimento lgbtqi atte a riconoscere piena dignità e pieni diritti alle persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali. Il Disegno di Legge Cirinnà in discussione al Senato il prossimo 26 Gennaio, è un progetto già in partenza insufficiente e parziale che affronta solo una minima parte delle problematiche che separano le coppie same sex dal pieno godimento dei propri diritti. Ma questo rappresenta solo un primo passo verso l’uguaglianza completa. L’Arcigay lancia per il 23 gennaio in tutte le piazze d’Italia mobilitazioni per il riconoscimento giuridico delle coppie dello stesso sesso, per l’uguaglianza di tutte e di tutti. Come Federazione Provinciale di Rifondazione Comunista e come Giovani Comuniste/i ci impegneremo quindi ad essere presenti anche a Taranto, in Piazza Immacolata, a sostenere questa campagna affinché sia un tassello utile alla costruzione di un paese più uguale e giusto e non un punto di arrivo. Affinché tale istituzione sociale possa essere trasformata e diventare uno spazio di libertà, continueremo a sostenere incondizionatamente e a rilanciare le battaglie per il riconoscimento giuridico del matrimonio egualitario e della genitorialità queer, per l’accesso all’adozione, per garantire ai bambini e alle bambine nati/e o cresciuti/e nelle famiglie arcobaleno il diritto a non subire discriminazioni giuridiche o sociali e per l’autodeterminazione individuale, familiare e collettiva dei soggetti lgbtqi.

Partito della Rifondazione Comunista
Federazione di Taranto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here