Taranto suicida ad Andria: perde una partita alla portata

0
2602

Andria-Taranto 2-1

No. Non possiamo difendere una squadra che non riesce a capitalizzare un momento positivo (gol di Viola), si esprime con un modulo in contraddizione alle caratteristiche degli uomini messi in campo e che, soprattutto, non ha idee e non conosce cosa sia il possesso palla e a cosa serva. Ci limiteremo a scrivere che, con un po’ di accortezza e competenza, un punto lo avrebbe potuto certamente strappare al Degli Ulivi. Cronaca: Cronaca 1° tempo Andria-Taranto: al 6′ Andria pericoloso con Croce, che conclude a lato da ottima posizione dopo un assist di Onescu. Al 14′ Taranto in vantaggio: Viola si presenta davanti a Pop e lo beffa con un delizioso pallonetto; al 17′ Minicucci crossa per Croce, che stacca di testa verso la porta, Maurantonio è superlativo a deviare la sfera. Al 22′ punizione di Rada, traversa; al 26′ ci prova Onescu, Maurantonio è attento e blocca. Al 29′ stacco di testa di Cianci, Maurantonio vola e nega la gioia del gol all’attaccante andriese con un autentico miracolo. Al 33′ Viola si inventa uno strepitoso pallonetto dalla distanza, stavolta è Pop ad emulare Maurantonio rendendosi protagonista di un grande intervento. Al 38′ pareggio dell’Andria: Maurantonio esce coi pugni non nel migliore dei modi, Tito calcia e realizza complice anche una deviazione involontaria di Maiorano. Al 42′ Lo Sicco serve Som, che si incunea in area e calcia sopra la traversa; al 45′ seconda uscita incerta di Maurantonio, Tartaglia tenta la fortuna dal limite ma concluse sul fondo. 2° tempo: al 67′ tiro di Onescu, para Maurantonio; al 70′ stacco di testa ancora di Onescu, centrale. All’81’ cross di Mancino per Cruz, testa di quest’ultimo e parata di Maurantonio. All’84’ traversone di Tito per Croce, sul fondo; all’89’ gol della vittoria per l’Andria con Aya, che sfrutta al meglio la corta respinta di Maurantonio su gran conclusione di Tito. La prossima settimana sarà ospite a Taranto il Foggia. Aspettiamo la reazione societaria all’ennesima debacle.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here