Taranto – Via Liguria, commercianti è guerra (con foto)

0
417
img-20161123-wa0049img-20161123-wa0048img-20161123-wa0047img-20161123-wa0046img-20161123-wa0045img-20161123-wa0044img-20161123-wa0043fb_img_1479933694026Nuove proteste in vista

Ore frenetiche in via Liguria, dopo lo stop alla protesta annunciata per ieri, lunedì 21 novembre. Questa mattina si è registrata una lunga riunione fra rappresentanti dei commercianti che operano nel quartiere Italia-Montegranaro e vertici di Confcommercio.

Non si conoscono i contenuti del confronto avvenuto  all’interno alla categoria, ma come spesso accade il contrasto scaturirebbe dai due punti di vista venuti alla ribalta alla vigilia della clamorosa protesta che sarebbe dovuta andare in scena ieri pomeriggio.

Ieri, infatti, si era ancora parlato di insegne spente e lumini accesi, quale segno del “de profundis” di una categoria che vive nella crisi più totale da anni (negli ultimi cinque, più di 2.600 le attività chiuse sul territorio), anche se l’idea in un primo momento presa in esame era un’altra: come atto provocatorio, si starebbe facendo largo l’idea di esporre prodotti e merce, che «diversamente – diceva un commerciante – non riusciamo a vendere a causa della mancanza di servizi in zona». «Il Comune di Taranto – vanno ripetendo da giorni i commercianti di via Liguria e dintorni – non solo non ha provveduto alla progettazione di servizi utili sì ai commercianti, che pagano un tributo elevato, ma soprattutto ai cittadini, che non trovano parcheggi: non solo fino a ieri mancavano i posti-auto, ma adesso con l’installazione dei cordoli in via Liguria ai tarantini interessati allo shopping “mordi e fuggi” viene negata la sosta breve».

Contrari ai cordoli i commercianti di via Liguria e dintorni non lo sono a prescindere. «Detto del rispetto per le regole – puntualizzano – se non ci sono posti-auto, ci dite come lavoriamo in un momento così critico?».

Novità nelle prossime ore. La protesta dei commercianti di via Liguria troverebbe alleati fra i colleghi di via Battisti, anche loro «penalizzati» (è il punto di vista dei rappresentanti del commercio) dai cordoli installati in tutto il tratto stradale di una delle ultime zone commerciali cittadine ancora attive.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here