Timbra Bollino e il Taranto vola

0
291

Con un gol di Bollino il Taranto timbra la prima vittoria.

Una rete d’autore, siglata al 15′ del secondo tempo, consente al Taranto di espugnare il San Vito di Cosenza. Tre punti d’oro che vanno a sommarsi a quello interno col Matera e lanciano i rossoblù fra i primi della classe. Una botta a girare, dal limite, come si vedono dolo in Tv con le grandi squadre. Cronaca Cosenza-Taranto 0-1: al 2′ destro dalla distanza di Lo Sicco, sul fondo; all’8′ cross di De Giorgi per Balistreri, che di testa chiama in causa il portiere Perina. Al 12′ Cosenza pericoloso con un tiro di D’Anna respinto dalla difesa ionica; sul traversone seguente stacco di testa di Gambino a lato. Al 38′ grande occasione per i calabresi con una conclusione di D’Anna, ben servito da Statella, bloccata da Maurantonio; al 43′ il Taranto protesta per una presunta trattenuta in area di rigore subita da Magnaghi, ma il direttore di gara non concede il penalty

Secondo tempo: al 59′ Taranto in vantaggio: Bollino, appena entrato in area, sfodera un grandissimo sinistro a giro che si insacca alle spalle di Perina, 0-1. Al 66′ Gambino spreca davanti a Maurantonio spedendo la sfera alta sopra la traversa; al 76′ Nigro imbecca Viola, che calcia al volo sopra la traversa. All’82’ vera e propria prodezza di Maurantonio su una botta a colpo sicuro di Caccetta; al 92′ punizione dal limite calciata da Viola, Perina para in due tempi.

Tabellini

Cosenza -Taranto 0-1

Marcatore al 15′ del st Bollino

Formazioni
Cosenza: Perina, Corsi, Pinna, Capece (16’st Cavallaro), Tedeschi, Blondett, Caccetta, Gambino, Statella, D’Anna (12’st Criaco), Mungo (30’st Appiah). A disp: Saracco, Meroni, Bilotta, Stranges, Ranieri, Madrigali. Allenatore: Roselli

Taranto: Maurantonio, De Giorgi, Pambianchi, Nigro (39’st Balzano), Stendardo, Magnaghi (22’st Viola), Bollino (25’st Paolucci), Balistreri, Altobello, Garcia, Lo Sicco. A disp.: Pizzaleo, Potenza, Sampietro, De Salve, Albanese, Langellotti, Cedric. Bobb. Allenatore: Papagni

ARBITRO: Pierantonio Perotti, di Legnano.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here