Un daspo tutto da dimenticare

0
579

Vogliamo raccontarvi cosa può accadere ad un semplice cittadino che si reca in trasferta per seguire la propria squadra e rimane coinvolto nella protesta di alcuni tifosi. Identificato e, successivamente, colpito da provvedimento denominato daspo. I fatti. Nel febbraio 2015 veniva notificato provvedimento di daspo dalla questura di lecce al sig. E.M. (omettiamo i suoi dati per non esporre ancora il signore in questione), imprenditore di Taranto, per aver danneggiato la vetrata dello stadio durante l’incontro di calcio Gallipoli- Taranto del 2 novembre 2014. Il provvedimento comminava, per una durata di tre anni, il divieto di accesso a tutte le manifestazioni calcistiche di serie A, serie B, e serie minori, nazionali ed internazionali dell’Italia, con obbligo di firma presso la Questura di Taranto, sempre per tre anni. L’avv. Coppola Elena interveniva depositando apposita memoria difensiva al Gip di Lecce, il quale annullava l’obbligo di firma nelle 48 ore previste per tale procedimento e, nel frattempo, presentava istanza di autotutela che la Questura di Lecce respingeva, costringendo l’imprenditore a fare ricorso al Tar di lecce. Il Tar di Lecce fissava udienza di discussione e, nel mese di ottobre 2015, accoglieva istanza di sospensiva dell’efficacia del provvedimento di Daspo, presentata sempre dall’ avv. Coppola, cosi che il sig. E.M. è potuto ritornare allo stadio in via provvisoria. Nel frattempo l’avv. Coppola chiedeva autorizzazione al Comune di Gallipoli per effettuare la perizia dello Stadio e la depositava con altro ricorso per motivi aggiunti, sempre al Tar di Lecce. Il Tar fissava udienza nel Gennaio 2016 e il 17 febbraio pronunciava sentenza definitiva di annullamento del provvedimento di Daspo a favore del sig. E.M. che finalmente poteva ritornare ad assistere alle partite del Taranto, dopo questa brutta avventura. Ringraziamo l’avv. Elena Coppola per averci fatto conoscere questa storia che, oltre a riabilitare l’uomo, ci permette di far comprendere al lettore cosa è un provvedimento daspo e quali le sue conseguenze.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here